Questo sito contribuisce alla audience di

Douglas, Jesse

matematico statunitense (New York 1897-1965). Studiò geometria differenziale al Columbia College di New York (1920-26), poi dal 1926 al 1930 visitò le università di Princeton, Harvard, Chicago, Parigi e Gottinga. Nella prima metà degli anni Trenta fornì la soluzione completa al problema di Plateau, così chiamato dal nome del fisico belga J. A. F. Plateau, ma formulato da G. L. Lagrange nel 1760 e studiato da G. F. B. Riemann, K. T. W. Weierstrass e L. Schwarz. Il problema, per la cui soluzione gli fu conferita la prestigiosa medaglia Fields nel 1936, assegnata per la prima volta in quell'anno, consiste nel determinare la forma della superficie di area minima racchiusa da una determinata curva. Le lamine di acqua saponata all'interno di telai metallici di qualunque forma sono esempi di figure di Plateau. Tra le diverse onorificenze, Douglas ottenne anche (1943) il premio Bôcher dell'American Mathematical Society. Il premio gli fu attribuito specificamente per tre articoli pubblicati nel 1939: Green’s function and the problem of Plateau (Funzione di Green e problema di Plateau); The most general form of the problem of Plateau (La forma più generale del problema di Plateau); Solution of the inverse problem of the calculus of variations (Soluzione del problema inverso del calcolo delle variazioni). Douglas si era, infatti, occupato anche di calcolo delle variazioni. Nel 1951 si applicò anche a importanti problemi di teoria dei gruppi.