Questo sito contribuisce alla audience di

Filandari

comune in provincia di Vibo Valentia (13 km), 486 m s.m., 18,54 km², 1839 ab. (filandaresi o filandaroti), patrono: santa Marina (17 luglio).

Centro posto alle pendici orientali del monte Poro. Si sviluppò forse a partire dal sec. IX nei pressi di un impianto di filatura (da cui il nome) e fu uno dei casali facenti parte del feudo di Mesiano, appartenuto a numerosi feudatari, tra cui i Pignatelli di Monteleone. Divenne comune autonomo nel 1807. Fu quasi completamente distrutto dal terremoto del 1783.La parrocchiale di Santa Marina, ricostruita dopo il terremoto, ha subito in seguito ulteriori rifacimenti.§ Alle tradizionali colture della vite e dell'olivo si sono aggiunte quelle dei cereali, degli ortaggi e degli alberi da frutto, che in molte aziende sono associate all'allevamento. Le attività manifatturiere comprendono oleifici e laboratori di falegnameria. Sopravvive la lavorazione del lino con telai a mano.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti