Questo sito contribuisce alla audience di

Giovanni da Veróna

architetto, intagliatore e intarsiatore italiano (Verona ca. 1457-1525). Monaco olivetano, lavorò soprattutto per chiese e conventi del suo ordine eccellendo come autore di tarsie, notevoli per fantasia e finezza esecutiva. Per la chiesa di S. Maria in Organo a Verona (di cui realizzò il campanile), eseguì tra il 1491 e il 1501 gli stalli del coro e un candelabro; per il monastero di Monte Oliveto (1503-05) gli stalli del coro, ora in parte collocati nel duomo di Siena, un candelabro, gli scaffali per i libri corali e la porta scolpita della biblioteca. Dal 1511 al 1512 lavorò anche per la Stanza della Segnatura in Vaticano (scranni e tarsie). La sua ultima attività fu esplicata ancora a Verona, dove eseguì la spalliera a intarsio della sacrestia di S. Maria in Organo e la serie di specchiature oggi in S. Maria della Clemenza a Lodi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti