Questo sito contribuisce alla audience di

HUD

sigla dell'inglese Head Up Display (propr. schermo a testa alta), tipo di dispositivo adottato sugli aeromobili che proietta, su uno schermo trasparente, sulla visiera del casco, oppure direttamente nell'occhio del pilota alcuni parametri di volo o dati relativi alla missione. In tale modo il pilota è in grado di tenerli sotto controllo senza distogliere l'attenzione dalla conduzione del mezzo. Concepito inizialmente per l'impiego militare, l'HUD trova la sua giustificazione nella necessità di alleviare il carico di lavoro del pilota durante le missioni di attacco a bassa quota e alta velocità, i combattimenti tra caccia (dogfight) e le fasi di appontaggio sulle portaerei. In tali circostanze anche una distrazione di pochi decimi di secondo, allo scopo di controllare gli strumenti sul cruscotto, può risultare fatale, provocando l'impatto contro il terreno oppure facendo perdere l'attimo favorevole all'uso delle armi. I primi HUD apparsi verso la metà degli anni Settanta del sec XX, riportavano soprattutto dati relativi a quota, velocità, direzione e assetto dell'aeromobile. L'enorme utilità di questi apparati, nonché i notevoli progressi della tecnologia optronica, hanno spinto i costruttori a incrementare il numero dei dati forniti fino a includere lo status dei sistemi di armamento e talune informazioni di carattere tattico. Il loro uso è stato inoltre esteso anche agli elicotteri da combattimento. In campo civile l'HUD è stato utilizzato a partire dagli anni Novanta su business jet di classe elevata e su alcuni tra i più moderni trasporti di linea, dove risulta particolarmente utile nelle fasi di decollo e atterraggio in condizioni di scarsa visibilità.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti