Questo sito contribuisce alla audience di

Hel

(gotico halja, anglosassone hell, ant. alto tedesco hella, che cela), nella cultura germanica, termine indicante la tomba, gli inferi e la regina degli inferi. L'ambiente è descritto come piovoso e nevoso; è detto anche Niflhel (Hel nebbioso). Vi scorrono fiumi gelidi; uno di essi, il Gioll, deve essere attraversato dal defunto nel suo ingresso allo Hel, passando su un ponte, detto Gjallabru, custodito da una fanciulla di nome Modgudr. Al di là del ponte c'è una cancellata (helgrind, nangrind, valgrind) che il morto deve valicare di corsa per impedire che gli si richiuda addosso. L'esistenza dei defunti nello Hel è quanto mai misera.

Media


Non sono presenti media correlati