Questo sito contribuisce alla audience di

PICOSat

famiglia di piccoli satelliti di massa compresa tra 100 e 1000 g. Il lancio del primo satellite sperimentale, costruito dagli studenti di ingegneria spaziale dell'Università di Stanford negli Stati Uniti, è avvenuto il 26 gennaio 2000 dal poligono di Vandenberg in California. Sono stati quindi messi in orbita due esemplari identici, mediante un missile balistico intercontinentale (ICBM, InterContinental Ballistic Missile) appositamente modificato per il lancio di piccoli satelliti: è un razzo a quattro stadi, in grado di immettere carichi di oltre 700 kg in orbita eliosincrona. I due PICOSat, ognuno con una massa inferiore ai 700 g, sono stati rilasciati da un satellite “madre”, che ha il compito di mantenere con essi le comunicazioni. Essi hanno lo scopo di sperimentare in orbita tecnologie microelettromeccaniche (una rete di commutatori) e hanno sperimentato anche lo scambio di dati con un altro PICOSat, che opera sulla Terra in una base californiana.