Questo sito contribuisce alla audience di

Palma di Cesnòla, Alerino, cónte

uomo politico (Rivarolo Canavese 1776-Sira, Pireo, 1851). Ministro del Comitato di giustizia nel governo provvisorio piemontese (1798), combatté poi con Napoleone e fu quindi presidente di tribunale e prefetto a Ivrea (1802). Ritiratosi a vita privata dopo la Restaurazione, nel 1821 prese parte ai moti rivoluzionari piemontesi e dovette perciò esulare in Inghilterra, Spagna e Grecia. Nominato presidente del tribunale di Missolungi, fu poi incaricato dal governo ellenico di varie missioni all'estero tra cui la negoziazione di un trattato di commercio con il Piemonte.