Questo sito contribuisce alla audience di

Petty, sir William

economista e statistico inglese (Romsey, Hampshire, 1623-Londra 1687). Ingegno estremamente versatile, fu medico e anatomista (insegnò anatomia a Oxford), pubblico funzionario e membro del Parlamento; Marx lo esaltò quale fondatore dell'economia politica ed è universalmente riconosciuto tra i padri delle scienze statistico-demografiche. Benché per tradizione sia ricordato fra i mercantilisti, se ne distinse per una visione più rigorosamente scientifica dei meccanismi dell'attività economica e per una modernità di pensiero che lo portò ad anticipare molti principi sviluppati poi dalla scuola classica. Descrisse i vantaggi della divisione del lavoro, abbozzò una teoria della rendita che si avvicina a quella ricardiana, intuì nel lavoro la fonte del valore, analizzò il concetto di velocità di circolazione della moneta, affermò che, man mano che un sistema economico si sviluppa, la struttura dell'occupazione si modifica a favore delle attività terziarie (legge di Petty). Si occupò anche di politica fiscale. Difese l'importanza conoscitiva del metodo sperimentale con un'asserzione che per la sua natura rivoluzionaria (a quei tempi) è divenuta famosa: “invece di servirmi ... di argomenti puramente razionali, ho adottato ... il criterio di esprimermi in termini di numero, peso e misura ... e di tener conto solo delle cause con fondamenta visibili nella natura”. In campo statistico-demografico, oltre a coniare il termine “aritmetica politica” per designare la nuova disciplina, compì ricerche sulla consistenza e lo sviluppo delle popolazioni. Tra le sue opere si ricordano: A Treatise of Taxes and Contributions (1662; Trattato sulle tasse e i tributi), Political Anatomy of Ireland (1672; Anatomia politica dell'Irlanda), Quantulumcumque Concerning Money (1682; Noterelle sulla moneta), Five Essays on Political Arithmetic (1671-87; Cinque saggi sull'aritmetica politica), Essay Concerning the Multiplication of Mankind (1686; Saggio sullo sviluppo del genere umano), Political Arithmetic (postumo, 1691; Aritmetica politica).