Questo sito contribuisce alla audience di

Porfìrio

(greco Porphýrios). Filosofo (Tiro ca. 233-Roma ca. 305). Prima del 249 conobbe Origene, successivamente studiò ad Atene alla scuola di Longino Cassio. Nel 263 entrò a far parte della scuola di Plotino a Roma. Dopo un soggiorno in Sicilia ritornò a Roma e qui continuò, come successore di Plotino, la sua attività di studioso e di maestro, pubblicando, tra l'altro, l'edizione da lui curata delle Enneadi plotiniane preceduta da una sua Vita di Plotino. Porfirio è uno dei più illustri rappresentanti della scuola neoplatonica. Gran parte delle sue numerose opere sono andate perdute. Tra quelle conservate particolarmente importanti sono il trattato Sull'astinenza e quello Sull'antro delle ninfe. Nell'opera di Porfirio confluiscono tutti i grandi temi della filosofia e soprattutto della religiosità tardoellenistica, fra i quali parte notevole ha la componente magico-occultistica di derivazione orientale. Suo anche un trattato Contro i Cristiani e un'Introduzione alle Categorie di Aristotele, che introdusse la questione degli universali.

Media


Non sono presenti media correlati