Questo sito contribuisce alla audience di

Scròfani, Savèrio

economista e storico italiano (Modica 1756-Palermo 1835). Professore di agricoltura e poi sovrintendente generale dell'agricoltura e del commercio con il Levante nella Repubblica Veneta, dal 1814 al 1821 fu direttore della statistica a Napoli. Aderì alle teorie fisiocratiche e fu convinto liberale. Delle sue opere di economia le più importanti sono: Saggio sul commercio in generale delle nazioni d'Europa e sul commercio della Sicilia in particolare (1792), Memorie di economia politica (1826). Ha lasciato inoltre alcuni saggi storici e diversi resoconti delle sue esperienze, tra cui: Tutti hanno torto (1791), testimonianza sulla Rivoluzione francese ai cui inizi assistette, Relazione sullo stato attuale dell'agricoltura e del commercio delle isole veneziane, della Morea e della bassa Romelia (1798) e Viaggio in Grecia (1799-1800).

Media


Non sono presenti media correlati