Questo sito contribuisce alla audience di

Tacca, Piètro

scultore italiano (Carrara 1577-Firenze 1640). Fu allievo e collaboratore del Giambologna, cui succedette nella carica di statuario del granduca di Toscana (1609). Le sue opere, eseguite in uno stile elegante e nervoso, di gusto talvolta bizzarro, riflettono la formazione tardomanieristica dell'artista, aperto però anche al naturalismo e al dinamismo secenteschi. Tra le sue migliori realizzazioni, per lo più in bronzo, sono i Quattro Mori (1625) per il monumento a Ferdinando I a Livorno; le fontane zoomorfe in piazza dell'Annunziata a Firenze, 1629; la Fontana della scrofa a Firenze; le statue in bronzo dorato di Cosimo II e Ferdinando I (1627-34) nella cappella dei Principi in S. Lorenzo; il monumento equestre a Filippo IV (1640) a Madrid. Il figlio Ferdinando (Firenze 1616-1686), stilisticamente assai vicino al padre, collaborò con lui nelle opere tarde. Buon ritrattista, eseguì vari busti in bronzo, tra cui quello di Ferdinando III de' Medici (Firenze, Bargello).

Media


Non sono presenti media correlati