Questo sito contribuisce alla audience di

Witte, Emanuel de-

pittore olandese (Alkmaar 1617-Amsterdam 1692). Documentato ad Alkmaar dal 1636, lavorò poi a Rotterdam, Delft e infine ad Amsterdam (dal 1651). Iniziò come autore di ritratti e di quadri mitologici (Pomona, 1644, Rotterdam, Boymans Museum), preferendo dopo il 1650 gli interni di chiese. Witte trattò questo genere con grande meticolosità descrittiva sia nella resa dei particolari sia nelle piccole figure, rese tuttavia antirealistiche dall'uso di una luce atmosferica che sottolinea l'ampiezza degli spazi e l'alternarsi delle zone d'ombra e di luce, con un effetto di estraniazione affine a quello di J. Vermeer. Il riferimento al maestro di Delft è evidente anche nelle sue nature morte e nei quadri di genere. Fra le sue opere maggiori si ricordano la serie di interni di chiesa (databile alla fine degli anni Ottanta del Seicento) del Mauritshuis dell'Aia e la serie del Mercato del pesce (un esemplare del 1672 a Rotterdam, Boymans Museum).

Collegamenti