Questo sito contribuisce alla audience di

agontano

sm. [dal latino anconitānus, anconetano]. Grosso d'argento coniato ad Ancona a partire dalla fine del sec. XIII, del valore di un soldo e del peso di ca. 2,04-2,42 g. Porta al diritto una croce patente e la leggenda De Ancona; al rovescio la figura stante di fronte di S. Ciriaco. Il valore dell'agontano fu ridotto da Sisto IV e poi da Alessandro VI. Venne imitato a Pesaro, Ferrara (vedi alicorno), Rimini, Bologna (vedi pepolese), Ascoli, Arezzo, Volterra.

Media


Non sono presenti media correlati