Questo sito contribuisce alla audience di

al-Bīrūnī

(Abū r-Rayhān Muḥammad ibn Aḥmad al-Bīrūnī), scienziato persiano (Khuwārizm, Uzbekistan, 973-Ghazni, Afghanistan, 1048). Conoscitore di diverse lingue, si occupò di storia, cronologia, matematica, fisica, astronomia, medicina e si interessò anche di filosofia naturale, come attesta la sua corrispondenza con Avicenna. Di lui ricorderemo la determinazione molto precisa del peso specifico di 18 tra pietre preziose e metalli, la spiegazione delle sorgenti naturali con le leggi dell'idrostatica, la supposizione che la valle dell'Indo fosse stata in età remota un bacino marino. Vanno inoltre rammentati la sua storia dell'India (Ta'rīh al-Hind) e la sua cronologia delle nazioni antiche (al-Āṯār al-Bāqiyah) che, unitamente alla monumentale opera di astronomia al-Qānūn al-Masʽūdī, gli assicurarono giusta fama. Delle restanti opere meritano menzione il Kitāb aṣ-Ṣaydalah (trattato di farmacologia) e il Kitāb at-Tafhīm, trattato di matematica, astronomia e astrologia.

Media


Non sono presenti media correlati