Questo sito contribuisce alla audience di

inforziato

agg. e sm. [sec. XIII; da in-2+latino tardo fortía, forza]. Nome di moneta migliorata nella lega e nel peso. Nel sec. XIII fu detto inforziato il vecchio danaro di Lucca per distinguerlo dal lucchese nuovo, più debole. Grosso inforziato fu detta invece la nuova moneta emessa da Carlo d'Angiò come senatore di Roma (1268-84), in quanto migliorata nel peso e nell'intrinseco rispetto ai vecchi romanini.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti