Questo sito contribuisce alla audience di

muškēnu

designazione babilonese (dal sec. XIX a. C. in poi) di una classe sociale intermedia tra i liberi e gli schiavi, costituita dai dipendenti dell'amministrazione regia. Quando la struttura sociale mutò (col crollo della civiltà babilonese), il termine assunse una connotazione peggiorativa, passando nell'aramaico maskēn e nell'arabo miskīn, povero (donde anche l'italiano meschino).