Questo sito contribuisce alla audience di

niellatura

sf. [sec. XIX; da niellare]. Procedimento di finitura superficiale per oggetti d'oro e (soprattutto) d'argento, detta anche “finitura nera” per il color nero opaco che assumono le parti trattate, generalmente incisioni, depressioni, ecc. In passato la niellatura si eseguiva applicando sul metallo una sostanza particolare (niello) e poi scaldandolo fino a fusione di essa. Lo stesso risultato lo si ottiene con una soluzione acquosa di polisulfuro di sodio riscaldato, oppure, specialmente per ottenere il cosiddetto “argento antico”, con un bagno di percloruro di ferro seguito da una prolungata immersione in una soluzione di soda caustica con l'oggetto in contatto con un pezzo di rame.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti