Questo sito contribuisce alla audience di

piastra²

sf. [sec. XIV; da piastra1, originariamente per indicare una moneta di notevoli dimensioni].

1) Nome dato a diversi tipi di monete d'argento battute in Italia da varie zecche a partire dal sec. XVI. A Bologna indicò la lira bolognese di 20 bolognini, mentre a Roma la piastra costituì il più grosso nominale d'argento del valore di 10 giuli e mezzo, iniziato da Sisto V e continuato fino alla sede vacante del 1740. Nel Regno delle Due Sicilie la piastra fu battuta nella zecca di Napoli sotto Carlo II di Spagna e poi sotto i Borboni, col valore di 120 grani, fino alla caduta del regno. Si chiamavano piastre anche le monete d'argento spagnole del valore di 8 reali.

2) Moneta divisionaria dell'Egitto (pari a 1/100 di sterlina), della Turchia (pari a 1/100 della lira), della Siria (pari a 1/100 della sterlina).