Questo sito contribuisce alla audience di

politècnico

agg. e sm. (pl. m. -ci) [sec. XIX; dal greco polýtechnos, da poly-, poli-, e téchnē, arte, sul modello del francese polytechnique].

1) Agg., che riguarda o comprende varie arti e tecniche.

2) Sm., istituto superiore di studi per l'insegnamento teorico e pratico di discipline tecniche su basi scientifiche e matematiche come la facoltà di ingegneria e di architettura (in Italia l'insegnamento dell'architettura è impartito anche in facoltà autonome). Tale istituto fu fondato per la prima volta nel 1794 a Parigi (École Polytechnique) dalla Convenzione nazionale per la formazione degli ufficiali del Genio militare e degli ingegneri civili incaricati di eseguire lavori pubblici. Sorsero in seguito politecnici in Germania, in Svizzera, negli Stati Uniti; in Italia esistono i politecnici di Milano, istituito nel 1863, con le facoltà di ingegneria e di architettura e varie scuole di perfezionamento, e di Torino, sorto nel 1906 e comprendente, oltre alle facoltà di ingegneria e architettura, anche una scuola di ingegneria aerospaziale.