Questo sito contribuisce alla audience di

sabi

s. giapponese usato in italiano come sm. Nella sua più elementare accezione significa “logorio” o “patina” del tempo e nel sec. XV entrò nella terminologia dell'estetica nipponica per tradurre il sentimento di “serena semplicità” o di “tranquillo abbandono” suscitato dal prodotto artistico. In tal senso fu utilizzato da Zeami per ampliare e approfondire il concetto di yugen che, dalla connotazione puramente ovvia ed esteriore di “leggiadria cortese”, venne così ad acquisire quella più suggestiva e trascendente di “grazia sottile, recondita”, rendendo la distinzione con la “serena semplicità” del sabi quasi del tutto impercettibile. Dopo tale passaggio, l'idea di sabi fu rifinita e perfezionata da Bashō col quale venne definitivamente a ricoprire il senso di “tranquillo, intimo abbandono”, un concetto che segnò la grande, forse la più alta conquista nel campo degli ideali estetici del Giappone premoderno.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti