Questo sito contribuisce alla audience di

sieropositìvo

agg. e sm. (f. -a) [sec. XX; siero+positivo]. Individuo portatore di anticorpi specifici contro un particolare allergene (in genere un microrganismo). La sieropositività rappresenta quindi una difesa, acquisita o indotta, dell'individuo in modo specifico verso una ben determinata malattia; se la copertura è ad alto titolo il soggetto è ben difeso e non presenta rischi di contagio, mentre se il titolo protettivo degli anticorpi è insufficiente, c'è la possibilità che si crei uno stato di pacifica convivenza soggettiva con la malattia. Questa situazione, definita del “portatore sano”, non esclude la contagiosità verso altri.

Media


Non sono presenti media correlati