Questo sito contribuisce alla audience di

simmorìa

sf. [dal greco symmoría, da sýmmoros, appartenente a un'associazione]. Nell'antica Grecia, ciascuno dei gruppi in cui venivano suddivisi i contribuenti. In Atene sono testimoniate dal sec. VI a. C. Nel 428-427 i cittadini ateniesi delle prime tre classi furono suddivisi in 100 simmorie e ognuna pagava un talento e due terzi di talento. Nel 378-377 indicò i contribuenti per i tributi di guerra: un totale di 6000 talenti fu suddiviso tra 400 simmorie. I tre cittadini più ricchi di ogni gruppo anticipavano l'intera cifra del gruppo e poi la riscuotevano all'interno di esso. Nel 357-356 le spese per le liturgie (allestimenti di navi come servizio pubblico) furono divise in 20 simmorie. Le simmorie furono riformate da Demostene (354 a. C.) che scrisse in merito un'orazione (la XIV).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti