NGST

sigla dell'inglese Next Generation Space Telescope (telescopio spaziale di prossima generazione). Il telescopio spaziale NGST, ribattezzato definitivamente JWST (James Webb Space Telescope), è destinato a sostituire il Telescopio Spaziale Hubble dopo il 2010. Il progetto, in collaborazione tra NASA, Agenzia Spaziale Europea e Canadian Space Agency (CSA), prevede un telescopio molto più grande di Hubble, più leggero e immesso in un'orbita molto più lontana dalla Terra. Rispetto allo specchio principale di Hubble (di 2,4 m di diametro) è stato proposto uno specchio di 6 m, oppure uno specchio di 8 m da assemblare in orbita. Con un tale specchio, JWST equivarrebbe a un telescopio terrestre con un diametro da 60 a 100 m. È stato proposto inoltre di dotare il telescopio di un sistema di osservazione all'infrarosso. Pertanto dovrà essere adottato un grande schermo laterale con il fine di proteggere il telescopio dall'irraggiamento solare. Particolare cura è posta nella scelta del punto dove JWST dovrà essere posizionato: è esclusa l'orbita bassa terrestre per la pericolosità dei piccoli rottami che vi si trovano e per la presenza di atmosfera residua, anche se molto rarefatta. L'équipe dei ricercatori che studia JWST ha espresso una netta preferenza per il punto lagrangiano L2 del sistema Sole-Terra, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, dove le attrazioni di Sole e Terra si bilanciano. In questa posizione orbitale, è però esclusa qualsiasi possibilità di operazioni di manutenzione come per Hubble.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora