diàtesi

Indice

sf. [sec. XVIII; dal greco diáthesis, disposizione].

1) Per i grammatici greci, la forma, genere o voce del verbo, mentre i grammatici latini adottarono il termine genus. Nelle lingue indeuropee il verbo, riguardo alla diatesi, poteva essere attivo, medio, passivo.

2) Particolare predisposizione dell'organismo a reagire in modo anomalo alla stimolazione fisiologica con manifestazioni di tipo più o meno patologico, secondo l'età. § In relazione alle varie manifestazioni si differenziano alcune forme di diatesi. La diatesi artritica si manifesta con reazioni patologiche che possono riguardare il ricambio (gotta, ecc.), la pelle (eczemi, pruriti), i muscoli (eccitabilità neuromuscolare), il sistema nervoso e l'apparato circolatorio. Può comparire in soggetti di costituzione somatica differente con prevalenza di manifestazioni nervose nei longilinei e facile esaurimento neuromuscolare nei brevilinei. La diatesi essudativa (detta anche diatesi di Czerny) è una condizione costituzionale che si estrinseca nella prima infanzia, con un'esagerata tendenza alle infiammazioni della cute e della mucosa. I segni clinici riconosciuti sono: intertrigine, predisposizione ai processi suppurativi in genere, tendenza alla corizza, all'angina, alle bronchiti, ecc. Anche la milza, il timo, le tonsille e i vari organi linfatici reagiscono con stati infiammatori cronici e successivamente ipertrofia. La diatesi allergica comprende diverse forme di aumentata sensibilità organica a sostanze dotate o no di caratteristiche antigeniche. Gli individui con questa forma di diatesi presentano segni di ipersensibilità che si manifestano con alterazioni cutanee, asma, edemi di Quincke, ecc.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora