indìzio

Indice

sm. [sec. XIV; dal latino indicíum].

1) Dato o elemento, astratto o concreto, in base al quale si può dedurre o supporre o riconoscere che qualche cosa è avvenuto o avverrà: le nubi cupe e basse sono indizio del temporale; quel gesto fu l'indizio del suo ravvedimento; tutti gli indizi sono contro di lui. § Nel processo penale, congettura tratta da probabilità, che può sfociare nella verosimiglianza. Secondo la più comune classificazione, gli indizi possono essere: intrinseci, appartenenti al reato o alle circostanze in cui è avvenuto; estrinseci, inerenti a voci o testimonianze sul reato. In ordine crescente di gravità, gli indizi possono essere: remoti, all'origine stessa del reato; prossimi, riguardanti l'immediata esecuzione del reato; dubitativi, se devono essere completati da prove ulteriori. Nel processo penale l'esistenza di un fatto non può essere desunta da indizi a meno che questi siano gravi, precisi e concordanti. Inoltre nessuno può essere sottoposto a misure cautelari se a suo carico non sussistono gravi indizi di colpevolezza.

2) Nella percezione, la parte di una configurazione di stimoli che, senza che a volte il soggetto ne sia consapevole, consente di riconoscere la configurazione stessa, o qualche sua proprietà. Per esempio, la determinazione della distanza di un oggetto viene fatta sulla base di una serie di indizi (prospettiva, interposizione di altri oggetti, grandezza relativa, ecc.) che di solito vengono utilizzati senza che chi osserva se ne renda conto. Il termine indizio corrisponde all'inglese clue, spesso utilizzato anche in Italia.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora