Questo sito contribuisce alla audience di

Èrmia

(greco Hermías; latino Hermías), tiranno di Atarneo nella Misia (sec. IV a. C.). Di origine servile, ottenuta la libertà si recò ad Atene dove frequentò l'Accademia e conobbe Platone e Aristotele. Tornato in patria, si fece tiranno di Atarneo e instaurò nella città di Asso nella Troade una comunità filosofico-politica. Fornito di notevoli risorse militari, finanziarie e navali, con l'aiuto di Aristotele, che ne aveva sposato la figlia adottiva Pizia, negoziò un'intesa con Filippo di Macedonia. Per questa intesa cadde in disgrazia del re di Persia, Artaserse, che lo condannò alla crocifissione.

Media


Non sono presenti media correlati