Questo sito contribuisce alla audience di

ènte (diritto)

soggetto diverso dalla persona fisica, dotato della personalità giuridica di diritto pubblico. Oltre allo Stato, persona giuridica pubblica per eccellenza, vi sono altri enti da esso creati o riconosciuti, i quali svolgono attività di pubblico interesse; essi sono controllati dallo Stato e agiscono utilizzando dei poteri di diritto pubblico (di supremazia, disciplinari) e ponendo in essere atti amministrativi. Si suddividono in enti pubblici territoriali (Regioni, Province, Comuni) e non territoriali (Camere di Commercio, Università); per la finalità si dividono in enti ospedalieri, di gestione, economici, ecc. L'organizzazione degli enti pubblici è per lo più stabilita dallo Stato, ma talora possono darsi essi stessi uno statuto, che deve però essere approvato dallo Stato. La loro organizzazione interna è fissata dalla legge o dallo statuto e non è identica per tutti: generalmente vi è un consiglio direttivo, un presidente, un collegio di sindaci e di revisori dei conti, con funzioni di controllo. Gli enti pubblici assolvono alle più svariate funzioni di interesse generale. Il numero eccessivo di enti pubblici, ripetutamente criticato dalla dottrina, è stato ridotto in seguito all'emanazione della legge 17 agosto 1974, n. 386, e soprattutto della legge delega 22 luglio 1975, n. 382, e del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616.

Media


Non sono presenti media correlati