Questo sito contribuisce alla audience di

Šegedin, Petar

narratore croato (Žrnovo, Curzola, 1909-1998). È noto per due romanzi parzialmente autobiografici, scritti in uno stile espressivo molto personale: Figli di Dio (1946), che svolge il tema di una crisi religiosa, e I solitari (1947), incentrato su esseri incapaci di stabilire validi rapporti umani. Inclini all'introspezione sono anche i racconti (Mar Morto, 1953; Sulla stessa strada, 1963; Orfeo nel piccolo giardino, 1964; Il sorriso nero, 1969). I libri di viaggio (In viaggio, 1953; Incontri, 1961) sono per Šegedin occasione di riflessione sulla società. Ha ricoperto numerosi incarichi prestigiosi, diffondendo la cultura croata nel resto d'Europa: è stato direttore dell'Istituto di lessicologia a Zagabria, direttore culturale del centro jugoslavo a Parigi, presidente della società degli scrittori croati e membro della Croatian Academy of Arts and Science.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti