Questo sito contribuisce alla audience di

Agrippina Minóre

(latino Iulía Agrippīna), matrona romana (Oppidum Ubiorum, oggi Colonia, 15-Baia 59). Figlia di Agrippina Maggiore, aveva sposato in terze nozze l'imperatore Claudio, suo zio, e gli aveva fatto adottare il figlio Nerone, avuto da Domizio Enobarbo, alla morte del quale aveva sposato Passieno Crispo. Più tardi, avvelenato il marito, riuscì a porre sul trono Nerone, che, insofferente della sua tutela, la fece uccidere da un sicario. § Ci rimangono numerosi ritratti di Agrippina Minore eseguiti dal vero (due nella Gliptoteca Ny Carlsberg di Copenaghen; alla Galleria degli Uffizi di Firenze). Una rappresentazione postuma è la testa monumentale del Foro Traiano a Roma. Le fattezze di Agrippina Minore ci sono tramandate anche dalle monete del tempo di Claudio e Nerone.

Media

Agrippina Minore