Questo sito contribuisce alla audience di

Aguado, Alejandro María

finanziere ebreo (Siviglia 1784-Gijón 1842). Durante l'occupazione napoleonica in Spagna collaborò con i Francesi e divenne aiutante di campo del generale Soult per meriti militari. Si stabilì quindi a Parigi, dove fondò un istituto bancario, che divenne in breve tempo tanto florido da riuscire a negoziare prestiti per i governi spagnolo e greco. Emise carte di credito, dette aguados. Ferdinando VII lo creò marchese di Las Marismas e lo gratificò di vaste donazioni. Intenditore d'arte e mecenate, raccolse nel corso degli anni un'importante collezione, che fu più tardi incorporata nel Museo del Louvre. Alla morte lasciò un patrimonio considerevole, valutato in circa 60 milioni di franchi.

Media


Non sono presenti media correlati