Questo sito contribuisce alla audience di

Andrèis, Màrio

avvocato italiano (Saluzzo 1907). Attivo antifascista fin dagli anni giovanili, fu tra i primi organizzatori del movimento “Giustizia e Libertà” (1929). Fondatore con A. Garosci e M. Guasco del foglio clandestino Voci di officina (1930), nel novembre 1931 fu arrestato e successivamente condannato dal Tribunale Speciale a 8 anni di reclusione. Liberato, aderì immediatamente al Partito d'Azione e partecipò attivamente alla Resistenza rappresentando il proprio gruppo politico nel CLN regionale piemontese. Dopo la Liberazione, scioltosi il Partito d'Azione, aderì al Partito Socialista.

Media


Non sono presenti media correlati