Questo sito contribuisce alla audience di

Atacama

regione (75.573 km²; 269.100 ab. secondo una stima del 1999; capoluogo Copiapó) del Cile settentrionale, limitata a E dall'Argentina e affacciata a W all'Oceano Pacifico. Il territorio, essenzialmente montuoso, si innalza a E nelle Ande, culminando a 6880 m nel monte Ojos del Salado, ed è attraversato dai fiumi Copiapó e Huasco, tributari dell'Oceano Pacifico. Tra le risorse economiche predominano l'agricoltura (cereali, ortaggi, frutta, alfalfa), praticata nelle zone pedemontane e nei fondivalle, l'allevamento (ovini, bovini, caprini) e soprattutto lo sfruttamento minerario (rame di El Salvador, ferro di Las Adrianitas e Cerro Imán, poi oro, piombo, argento, manganese, zinco, zolfo) che alimenta gli impianti metallurgici di Potrerillos e Paipote (rame) e Vallenar (piombo). Porti di pesca e di esportazione dei minerali sono Chañaral e Caldera; centri principali, oltre al capoluogo, sono Vallenar e Chañaral. Della regione fanno parte le Islas Desventuradas (San Félix, San Ambrosio, Gonzales), situate nell'Oceano Pacifico, 900 km al largo della costa ed estese per 3,33 km².