Questo sito contribuisce alla audience di

Bárdossy, László

uomo politico ungherese (Szombathely 1890-Budapest 1946). Iniziò la carriera (1913) nel Ministero del Culto e Pubblica Istruzione; nel 1922 entrò nel servizio diplomatico. Nel febbraio 1941 fu nominato ministro degli Affari Esteri e nell'aprile dello stesso anno presidente del Consiglio dei Ministri. Dichiarò guerra prima all'Unione Sovietica poi agli Stati Uniti, senza interpellare il Parlamento. Si dimise dalla sua carica nel marzo 1942. Terminata la seconda guerra mondiale, fu processato come criminale di guerra, condannato a morte e giustiziato.

Media


Non sono presenti media correlati