Questo sito contribuisce alla audience di

Beer, August

fisico tedesco (Treviri 1825-Bonn 1863). Studiò i fenomeni ottici e scoprì la legge di assorbimento della luce che porta il suo nome.

Legge di Beer

Legge che regola l'assorbimento delle radiazioni luminose da parte di soluzioni contenenti disciolti uno o più composti chimici:

dove I0 è la densità della luce incidente ed I quella della luce dopo che ha attraversato lo spessore x della soluzione contenente c mole di una sostanza e k il coefficiente specifico di assorbimento del composto dipendente dalla lunghezza d'onda della radiazione incidente. La stessa legge può essere trasformata nella forma logaritmica:

dove D viene chiamata densità ottica. La legge di Beer viene usata in chimica analitica per la determinazione spettrofotometrica della concentrazione c di una soluzione; con tale metodo si pone la soluzione da analizzare in una cella di spessore x; conoscendo il valore del coefficiente di assorbimento k del composto a una certa lunghezza d'onda e misurando la densità ottica D, per via spettrofotometrica si può risalire alla concentrazione c. È da aggiungere che la legge di Beer è additiva nel caso di più composti presenti in soluzione ed è valida solamente per soluzioni diluite.

Media


Non sono presenti media correlati