Questo sito contribuisce alla audience di

Borcherds, Richard

matematico inglese (Città del Capo 1959). Ha conseguito il dottorato a Cambridge nel 1985, ha cominciato la sua carriera accademica al Trinity College di Cambridge, poi è stato professosre assistente all'Università di California a Berkeley, dove, dal 1993, è divenuto titolare di cattedra. Nel 1998 ha vinto la prestigiosa medaglia Fields, che gli è stata conferita per i suoi lavori di fisica matematica e sulle forme automorfe, in particolare per aver dimostrato, sulla base di concetti della teoria delle stringhe, la cosiddetta congettura moonshine, formulata alla fine degli anni Settanta dai matematici britannici J. Conway e S. Norton. La congettura prende nome (moonshine, chiaro di luna, ha l'accezione figurata di assurdo, strampalato) dal fatto di proporre una relazione assolutamente inconsueta tra due diversi campi della matematica, quello del cosiddetto “gruppo mostro” e la teoria delle funzioni ellittiche. Il gruppo mostro prende nome dal fatto che è il più grande gruppo sporadico, semplice e finito: ha più elementi di quante siano le particelle elementari nell'Universo.

Media


Non sono presenti media correlati