Questo sito contribuisce alla audience di

CORBA (informatica)

acronimo dell'inglese Common Object Request Broker Architecture. Esempio di Middleware, modello di architettura per la realizzazione di programmi a oggetti distribuiti, eventualmente scritti in linguaggi di programmazione diversi, basato sulla possibilità di instaurare in modo dinamico relazioni client-server fra gli oggetti. In un programma CORBA, ogni oggetto si registra presso il broker, descrivendo i servizi che può fornire agli altri. Quando un programma necessita dell'esecuzione di un servizio, esso ne fa richiesta al broker, che identifica, fra quelli registrati, gli oggetti che possono fornirlo. Il broker può quindi produrre direttamente la richiesta, ottenere la risposta e fornirla al richiedente, oppure procurare l'indirizzo dell'oggetto responsabile, instaurando una comunicazione diretta. La descrizione dei servizi forniti da un oggetto (cioè la sua interfaccia) è contenuta in un file scritto nell'IDL (Interface Definition Language), in base al quale viene automaticamente prodotto il codice, sia dal lato client (stub), sia da quello server (skeleton), che permette la comunicazione fra l'oggetto fornitore di servizi e gli oggetti richiedenti. Il vantaggio di un sistema basato su CORBA è che la sua costruzione non richiede la conoscenza a priori dell'identità degli oggetti che dovranno interagire fra loro, ma permette forme di riconfigurazione del sistema, in cui ogni volta oggetti diversi potranno essere selezionati per fornire i servizi richiesti, sulla base della loro disponibilità.