Questo sito contribuisce alla audience di

Cartocéto

comune in provincia di Pesaro e Urbino (25 km da Pesaro), 235 m s.m., 23,17 km², 6490 ab. (cartocetani), patrono: san Bernardino (20 maggio).

Centro nella piccola valle del rio Secco, affluente di sinistra del fiume Metauro. Fu abitato in epoca romana, come testimoniano i frammenti di sculture in bronzo dorato rinvenuti nei suoi dintorni. Dal sec. XII fu caposaldo difensivo di Fano, poi conteso dai Malatesta e da Guidobaldo I. Tornò a Fano definitivamente nel sec. XVI. § Pregevoli la collegiata, ricostruita nel 1835 su una distrutta chiesa del Quattrocento, con tele e affreschi cinquecenteschi, e il teatro del Trionfo (del 1725, rifatto nel 1801). Nei dintorni alcune notevoli residenze di campagna. § Nell'economia prevale, da molti secoli, la produzione dell'olio, che anima importanti mostre-mercato; gli uliveti sono tra i più estesi della regione e sul territorio operano molti frantoi. Il comparto manifatturiero è presente con piccole imprese nei settori chimico, della carta e degli imballaggi.