Questo sito contribuisce alla audience di

Corridóni, Filippo

sindacalista italiano (Pausula, odierna Corridonia, 1888-Monte Carso 1915). Agitatore socialista, seguace delle dottrine di Sorel e di Hervé, fu tra i propugnatori più accesi del sindacalismo rivoluzionario. A Milano diresse L'Unione Sindacale e nel 1914 partecipò attivamente alla “Settimana Rossa”. Assieme a M. Rigier fondò nel 1907 il giornale antimilitarista Rompete le file, dove espose le sue idee di pacifista. Tuttavia allo scoppio della guerra tali convinzioni non gli impedirono di schierarsi con gli interventisti e di arruolarsi come volontario. Cadde in combattimento alla “trincea delle frasche” sul Carso e fu decorato con medaglia d'argento alla memoria, tramutata da B. Mussolini in medaglia d'oro.