Questo sito contribuisce alla audience di

Crommelynck, Fernand

drammaturgo belga di lingua francese (Bruxelles 1885-Saint-Germain-en-Laye, Francia, 1970). Attore e giornalista, esordì come autore con Nous n'irons plus au bois (1906; Non andremo più nel bosco), cui fece seguito Le marchand de regrets (1913; Il venditore di rimpianti). Abbandonò dopo qualche tempo il simbolismo per seguire una strada personalissima, in cui il gusto satirico, il realismo fiammingo e l'espressionismo tedesco si fondono per dare il risultato farsesco e paradossale di Le cocu magnifique (1920; Il magnifico cornuto), la sua commedia più celebre. Ancora situazioni paradossali ed esseri irrazionali appaiono nelle opere successive: Carine ou la jeune fille folle de son âme (1929; Carina o la ragazza prodiga dell'anima sua), Une femme qui a le cœur trop petit (1934; Una donna che ha il cuore troppo piccolo), Chaud et froid, ou l'idée de monsieur Dom (1935; Caldo e freddo, o l'idea del signor Dom). Dal 1935 alla morte Crommelynck non pubblicò più nulla, tranne uno pseudoromanzo poliziesco (Monsieur Larose est-il l'assassin?, È il signor Larose l'assassino?) nel 1950.