Questo sito contribuisce alla audience di

D'Ambròsio, Àngelo

generale (Reggio di Calabria 1774-Starza, Napoli, 1822). Nel 1797 aderì alla Repubblica Partenopea, alla sua caduta, si rifugiò a Corfù e poi nel Veneto; rientrò a Napoli dopo la Pace di Firenze (1801). Partecipò valorosamente alla campagna di Spagna (1808-09) e al tentativo murattiano di conquistare la Sicilia (1810), ma, ferito a una gamba, fu preso prigioniero. Riuscito a evadere e nominato prima barone e poi generale (1812), combatté con Napoleone in Russia e in Germania (1812-13). Ritornato quindi al servizio del Murat, combatté contro i Francesi in Alta Italia e contro gli Austriaci a Tolentino. Durante il breve governo costituzionale del 1821, fu governatore militare di Napoli.