Questo sito contribuisce alla audience di

Dòtti, Bartolomèo

poeta italiano (Valcamonica 1651-Venezia 1713). Per i suoi versi satirici rivolti contro le famiglie patrizie di Milano, fu imprigionato a Tortona; evaso, riparò a Venezia. Anche qui l'aristocrazia cittadina divenne il bersaglio dei suoi versi sferzanti fino a quando fu ucciso da un sicario. Le sue Satire furono pubblicate postume nel 1757. Lasciò inoltre una raccolta di Rime e sonetti (1689).

Media


Non sono presenti media correlati