Questo sito contribuisce alla audience di

De Àttelis, Oràzio, marchése di Sant'Àngelo

patriota (Campobasso 1774-Civitavecchia 1850). Per aver aderito alla Rivoluzione francese, fu arrestato (1798) e condannato a morte. Graziato in seguito all'intervento francese, fu incarcerato nell'isola d'Elba, donde riuscì a fuggire organizzando una rivolta di detenuti. Partecipò al seguito di Napoleone alla campagna d'Italia del 1800 e nel 1821 si distinse nel corso dei moti di Napoli. Dal 1824 al 1848 risiedette nell'America Settentrionale dove combatté per l'indipendenza messicana. Tornato in Italia, combatté in difesa della Repubblica romana.

Media


Non sono presenti media correlati