Questo sito contribuisce alla audience di

Drăgomirescu, Mihail

critico romeno (Plătăresti 1868-Bucarest 1942). Scolaro del Maiorescu, collaboratore di Convorbiri literare, nel 1907 se ne staccò per fondare una sua rivista, Convorbiri critice (Conversazioni critiche). Conosciuto e apprezzato dal Croce, ebbe la cattedra di estetica all'Università di Bucarest. Muovendo dalla filosofia platonica e dall'idealismo tedesco e opponendosi alle teorie sociologiche di Dobrogenau-Gherea, Drăgomirescu costruì un sistema critico volto a studiare il fenomeno letterario in sé, avulso da ogni fattore esterno: alla base di tale sistema pose la “teoria del capodopera”. È questo un termine con cui l'autore definisce una realtà “psicofisica”, cioè il risultato di movimenti segreti che nascono nella coscienza dell'artista e che sono indipendenti da cause esterne. Drăgomirescu ebbe il merito di aver tentato di dare alla critica letteraria un fondamento rigorosamente scientifico. Tra le sue opere: La critica scientifica ed Eminescu (1895), La teoria della poesia (1903), La metodologia letteraria (1919), La scienza della letteratura (1926-38).

Media


Non sono presenti media correlati