Questo sito contribuisce alla audience di

Elìgio di Noyon

santo (Chaptelat, Limoges, ca. 590-Noyon 660). È venerato come patrono degli orefici. Dalla sua biografia si sa che apprese l'arte orafa a Limoges; fu orafo e monetiere fino alla morte di re Dagoberto I (638), ma tutte le sue opere sono andate perdute. Nel 641 fu fatto vescovo di Noyon.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti