Questo sito contribuisce alla audience di

Evans, Walker

fotografo statunitense (St. Louis 1903-New Haven 1975). Studente di letteratura alla Sorbona di Parigi, abbandonò il suo sogno di diventare scrittore per dedicarsi alla fotografia alla fine degli anni Venti; i suoi primi lavori sugli esempi dell'architettura vittoriana in America sono già emblematici di un approccio realistico e documentario, che rientra nel solco della straigh photography (fotografia diretta). Dal 1935 al 1937, per incarico della Farm Security Administration (FSA), fece conoscere all'opinione pubblica le condizioni di vita miserevoli dei piccoli coltivatori con immagini essenziali improntate al realismo. Nel 1938 il Museum of Modern Art di New York riconobbe la grandezza della sua opera dedicandogli una personale, la prima mostra fotografica mai realizzata da questo museo. Risale a quel periodo l'interesse per il ritratto spontaneo, dal vivo, che si traduce in una serie di istantanee realizzate sulla metropolitana con una piccola macchina nascosta. Nel 1941 diede alle stampe il volume Let us now praise famous men (Rendiamo omaggio agli uomini famosi), frutto di un'indagine rigorosa sugli Stati del Sud, condotta con l'appoggio dello scrittore J. Agee. Tra le altre opere, The crime of Cuba (1933), American photographs (1938), Message from the interior (1966).

Collegamenti