Questo sito contribuisce alla audience di

Falèco

(greco Phálaikos; latino Phalaecus), generale focese (m. 342 a. C.). Figlio di Onomarco, capo della Lega Focese durante la III guerra sacra, succedette nel comando dell'esercito federale allo zio Faillo nel 352 a. C. Dopo la Pace di Filocrate, quando Filippo II di Macedonia (346 a. C.) scese nella Focide imponendo ai Focesi di sgomberare il santuario delfico, Faleco, che presiedeva le Termopili, patteggiò col re macedone la capitolazione ottenendo la libertà per sé e le sue truppe. Con 8000 mercenari fuggì prima in Italia e poi a Creta dove morì nell'assedio di Cidonia.

Media


Non sono presenti media correlati