Questo sito contribuisce alla audience di

Gentiléschi, Artemìsia

pittrice italiana (Roma 1593-Napoli 1651-52). Figlia di Orazio Gentileschi, si formò alla scuola paterna. Dopo il 1612 si trasferì a Firenze, dove elaborò uno stile personale, caratterizzato da uno spiccato naturalismo non disgiunto da una stilizzazione manieristica e sempre molto attento agli effetti scenografici (Giuditta che uccide Oloferne, Firenze, Uffizi). Stabilitasi a Napoli nel 1627, ricevette dall'ambiente caravaggesco numerosi suggerimenti e trasmise agli artisti della scuola napoletana il suo acceso lirismo (Annunciazione e Giuditta con la fantesca, Napoli, Galleria Nazionale di Capodimonte; Nascita del Battista, Madrid, Prado; tele con le Storie di San Gennaro per il duomo di Pozzuoli, 1645).

Media


Non sono presenti media correlati