Questo sito contribuisce alla audience di

Goody, Jack John Rankine

antropologo britannico (Londra 1919). Ha studiato al St. John College di Cambridge. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu catturato dai Tedeschi e rinchiuso in un campo di concentramento in Italia, a Sulmona. Rientrato in Inghilterra si dedicò allo studio dell'antropologia sociale con Meyer Fortes. Dal 1973 al 1985 ha insegnato a Cambridge di cui ha diretto, tra l'altro, il dipartimento di antropologia. È professore emerito all'Università di Cambridge e membro del St. John College. Africanista specializzato nelle popolazioni del Ghana, ha condotto diverse ricerche sul campo negli anni Cinquanta e Sessanta presso i LoWiili, i LoDagaba e nell'antico regno di Gonja. Tra le molte opere riguardanti queste società è di particolare rilievo quella sull'iniziazione al bagre, narrazione orale rituale, racconto e performance di danze e musiche:: The Myth of the Bagre (1972). Goody, inoltre, è autore di opere sulla parentela, sulla famiglia e sul sistema politico e sociale africano: la formazione dello Stato, la trasmissione del potere, la guerra. Il tema principale dei lavori più recenti è quello del ruolo assunto dalla scrittura nella storia delle società. Egli affida una funzione specifica alla comunicazione scritta e alle sue rappresentazioni. Concentra il suo interesse sui mezzi e le modalità della comunicazione, cioè sui processi effettivi di produzione e riproduzione del pensiero. Questa linea di studio è ampiamente sviluppata in tre opere: The domestication of the Savage Mind (1977; Domesticazione del pensiero selvaggio), The Logic of Writing (1986; La logica della scrittura) e The Interface between the Written and the Oral (1987; L'interfaccia tra scrittura e oralità) in cui approfondisce alcune delle indagini che hanno caratterizzato il suo metodo di ricerca. Altre opere: The Oriental, the Ancient and the Primitive (1990; Orientale, Antico e Primitivo), Oltre i muri. La mia prigionia in Italia (1997), Islam in Europe (2004; L'Islam in Europa), The Theft of History (2006; Il furto della storia).