Questo sito contribuisce alla audience di

Habyarimana, Juvénal

generale ruandese (Ruhengeri 1940-Kigali 1994). A capo del Ruanda dal 1973, nonostante la sua appartenenza all'etnia Hutu, Habyarimana aveva rappresentato un punto di equilibrio nell'annosa contrapposizione tra Hutu e Tutsi. Un equilibrio che egli riusciva in qualche modo a garantire anche dopo il serio pericolo corso per l'offensiva scatenata nel 1990 dalla guerriglia armata dei Tutsi. Habyarimana tentava di attutire il contrasto interetnico avviando un processo di liberalizzazione del Ruanda attraverso la legalizzazione dei partiti (1991) e la successiva costituzione di un governo di unità nazionale (1992). Ma si trattava di misure che non erano in grado di rappresentare un efficace baluardo a un confronto che andava sempre più degenerando verso una sanguinosa guerra civile. Di questo clima Habyarimana pagò in prima persona le conseguenze di quello stato di cose; nell' aprile 1994) l'aereo sul quale viaggiava insieme al presidente del Burundi, Cyprien Ntaryamira, venne abbattuto. Proprio la scomparsa di Habyarimana rappresentò una potente accelerazione della guerra civile per la rabbiosa reazione della sua guardia, che massacrò oltre 500 persone a Kigali, innescando un conflitto più generale nel quale avrebbero finito per prevalere i Tutsi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti