Questo sito contribuisce alla audience di

Jōkei

scultore giapponese (sec. XII-XIII). Considerato figlio o allievo di Unkei, fu attivo nel periodo Kamakura, affermandosi con uno stile che riproponeva tutti gli elementi che avevano caratterizzato quello di Nara. L'impostazione vigorosa e la precisazione realistica del particolare conferiscono alle sue opere (statue dei due “guardiani” Kongo-Rikischi, eseguite per il Kōfuku-ji di Nara nel 1190 e restaurate nel 1288) una grande espressività, a cui contribuiscono la policromia e l'uso di pezzetti di cristallo per gli occhi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti